I Sentieri delle Orchidee

MENU

Book now

I Sentieri delle Orchidee

I Sentieri delle Orchidee

Il Monte Erice e i suoi sentieri

Natura e Trekking

 

Se amate la natura, il trekking e i panorami mozzafiato, l’ideale per voi è una passeggiata guidata attraverso un percorso immerso nella natura del bosco ericino proprio sotto le antiche mura elimo-puniche e le chiese medievali di Sant’Orsola e Sant’Antonio, dove il panorama sulla città, sul mare e sulle campagne limitrofe vi toglierà il fiato.

Potrete percorrere il sentiero che parte da porta Spada, dove si trova il “piede del diavolo”, e arriva nella zona del vecchio cimitero ebraico, ormai quasi un rudere nascosto dalla vegetazione. Un luogo sicuramente suggestivo, dove echeggiano i miti e le leggende ericine. Nei giorni in cui la nebbia avvolge la cima di Monte Erice sembra davvero di ritrovarsi in un epoca medievale, un tuffo nel passato, dove il borgo appare come sospeso nel tempo. Nelle giornate limpide e soleggiate potrete ammirare un tripudio di colori e odori, con il silenzio interrotto solamente dal cinguettio degli uccelli o dal soffio del vento che agita i rami degli alberi secolari. Erice è un posto meraviglioso, uno dei più belli e suggestivi, ma che pochi, a parte gli ericini, conoscono. Un luogo che offre scorci incantevoli, con un panorama che da sul golfo di Bonagia e Monte Cofano, immerso in un bosco incontaminato. Il senso di pace e tranquillità che si prova passeggiando per questi viali ericini è davvero unico. Gli antichi sentieri offrono un percorso che sicuramente farebbe gola a molti turisti: oltre al tour per il paese e per i tanti musei del borgo medievale, i visitatori che ogni giorno arrivano ad Erice potranno passeggiare nei boschi, tra natura e mura millenarie. Una passeggiata davvero unica, con suggestivi panorami sull’Agroericino, dove in alcuni periodi dell’anno è possibile ammirare le orchidee, affascinanti fiori naturalizzati sul posto.

erice

 

La bellezza dell’orchidea è nota sin da tempi molto lontani tanto da alimentare miti e leggende. Il nome, infatti, rimanda agli antichi greci, quando Orchis, figlio di una ninfa e di un satiro, venne ucciso per aver corteggiato una sacerdotessa e il corpo senza vita dell’affascinante e avvenente giovane fu trasformato in un orchidea per non essere sbranato dalle feroci belve. Nel tempo, questo fiore, divenne segno di classe e raffinatezza, di distinzione e di lusso ed elevato a simbolo di sensualità, di bellezza e di passione. In diversi periodi dell’anno, nei sentieri dell’agroericino ne crescono molte, con varietà e caratteristiche differenti.

Da qui nascono “ I sentieri delle Orchidee”, percorsi turistici guidati che offrono al visitatore la possibilità di ammirare e vivere l’incontaminata natura ericina.

Il Sentiero di Porta Castellammare – Tre chiese:

itinerario

Breve itinerario ad anello d’interesse naturalistico e socio-culturale. Il percorso, partendo da Porta Spada, scende lungo il versante settentrionale di Monte Erice verso i resti di Porta Castellammare, per raggiungere le tre chiese rupestri di Santa Maria Maddalena (520m), Sant’Ippolito (490m) e Santa Maria Maggiore (445m) databili al XIV secolo.

 i sentieri

 

L’itinerario è ad elevata panoramicità verso la piana di Valderice, i rilievi di Custonaci, San Vito Lo Capo, nonché le Isole Egadi. Ritornando verso Porta Spada, attraverso un breve sottobosco, si può raggiungere il Quartiere Spagnolo (670m).

Durante questo percorso si potranno ammirare varie specie di orchidee, tra cui: L’ Anacamptis Longicornu, l’ Anacamptis Pyramidalis, l’ Ophrys Apifera , l’ Himantoglossum Robertiarum, l’ Ophrys Bombylflora, L’Ophrys Bertolonii Moretti, l’Ophrys Sicula Tineo, L’Ophrys Sphegodes Subsp. Panormitana, l’ Ophrys Lutea Cav., l’ Ophrys Fusca Link, l’Ophrys Tenthredinifera, e l’Ophrys Speculum Link.

 orchidea    orchidee

 

Un altro percorso sicuramente suggestivo è quello del Sentiero di Sant’Anna:

sentiero sant'anna

Breve percorso in linea che parte dalla stazione dell’ovovia (43m) e raggiunge Porta Trapani nel centro storico di Erice. Il sentiero sale lungo il versante occidentale di Monte Erice e prevede un primo tratto lungo la via Capua, via Manzoni e via Pola Sant’Anna per raggiungere l’ingresso all’area attrezzata di Martogna (250m), che si lascerà per proseguire in un secondo tratto, verso Pizzo Argenteria, per raggiungere il settecentesco Santuario di Sant’Anna (332m) dove si potrà godere di una vista panoramica sulla città di Trapani e sulle Isole Egadi, il Mar Mediterraneo e il Tirreno. Dal Santuario di Sant’Anna si prosegue lungo il sentiero fino a raggiungere la Casa Demanio Forestale (475m). Segue l’ultimo tratto, attraverso un boschetto, in direzione Porta Trapani (704m), dove sarà possibile proseguire la visita presso il borgo medievale di Erice.

i sentieri

 

Ultime Notizie

  • Spring Break a Trapani


    Trapani propone un'offerta turistica unica: la possibilità di vivere il gusto dell'estate durante le più tranquille vacanze di primavera.